Gioia del colle 22 – 26 aprile 2018: l’accoglienza, la cura e la bellezza della semplicità

di Laura Squarcia


Quest’anno, grazie alla vittoria da parte del Comune di Gioia del Colle dell’avviso pubblico promosso dalla Regione Puglia “MARI DI PIETRA – Paesaggi, sapori e tradizioni della Murgia, dal 22 al 26 Aprile 2018”. Tour educational nell’ambito del Festival Internazionale TeatroLab2.0-Chièdiscena 2° edizione. POR PUGLIA FESR-FSE 2014/2020-AZIONE 6.8, ho partecipato come operatrice teatrale e mediatrice di Casa dello Spettatore al Festival Teatro Lab 2.0 Chièdiscena, una manifestazione organizzata all’interno del Teatro Rossini e negli spazi cittadini di Gioia del Colle dall’Associazione culturale SIC! Progettazioni culturali di Angelo Maurizio Vacca e Anna Maria Stasi in sinergia con Etoile – Centro Teatrale Europeo di Daniele Franci che da nove anni realizza “Festival Internazionale TeatroLab” nel territorio di Reggio Emilia.

L’idea di partenza“, dicono gli organizzatori, “era quella di unire con il teatro il nord al sud d’Italia, unire le forze e organizzare qualcosa interamente dedicato e gestito dai ragazzi, un laboratorio delle arti dello spettacolo, di educazione alla creatività e all’immaginazione, uno spazio di scambio reciproco senza competizione o premi, per questo invitiamo ogni anno tutte le scuole italiane a partecipare inviando loro il nostro bando direttamente in sede“.

Continua a leggere “Gioia del colle 22 – 26 aprile 2018: l’accoglienza, la cura e la bellezza della semplicità”

Annunci

Vedere l’Orestea

In collaborazione con l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e il Romaeuropa festival 2018


Orestea. Agamennone, Schiavi, Conversio della compagnia Anagoor al Romaeuropa Festival (lo vedremo il 3 ottobre 2018 al Teatro Argentina) sarà oggetto di un lavoro articolato in un progetto chiamato VEDERE L’ORESTEA, che coinvolgerà anche l’Università degli Studi di Tor Vergata e alcune scuole superiori.

Un’occasione di incontro e confronto, ma anche l’approfondimento e l’ampliamento dell’esperienza della visione dal punto di vista specifico del rapporto tra arte antica e arte contemporanea.

Vedere l’Orestea significa incontrare un antico recondito e invisibile, composto duemilacinquecento anni fa, pensato e riportato alla luce dagli occhi vivi del contemporaneo. Il rapporto con l’antichità classica non dovrebbe infatti esaurirsi solo nella conservazione cartacea e museale, nella trasmissione scolastica e accademica, ma relazionarsi al mondo dell’arte contemporanea, alla dimensione viva del teatro, stimolando un coinvolgimento attivo e creativo di chi ne fruisce, fatto di dubbi, domande, riconoscimenti e connessioni.

In questo panorama la compagnia Anagoor è impegnata in una ricerca artistica che dà senso e valore al rapporto tra antico e contemporaneo, attribuendo una cura particolare a segni, storie e immagini passate che riemergono, frantumate e rinnovate, a comporre un vocabolario del tutto inedito. Continua a leggere “Vedere l’Orestea”

Esplorazioni 2018

Dal 17 al 20 maggio 2018 si rinnova l’appuntamento con “Esplorazioni”, il gruppo di visione in festival curato da Casa dello Spettatore nell’ambito di “Maggio all’infanzia” e dedicato agli insegnanti delle scuole dell’infanzia, elementari e medie.


Esplorazioni, che nel 2018 giunge alla sua quarta edizione consecutiva, è un progetto a cura di Casa dello Spettatore pensato per chi, spesso per la prima volta, si fa mediatore tra il bambino e il teatro, per chi coltiva e vuole approfondire la relazione educativa con l’arte e con il teatro in particolare. Il gruppo di visione farà esperienza di un percorso che prevede una selezione ragionata di spettacoli, una serie di incontri – preliminari e successivi alla visione – e un dossier preparato per stimolare e supportare idee, analisi e riflessioni condivise su cosa significa portare a teatro un pubblico giovane