“La Calata” a Napoli. Il 30 marzo 2019

“La Calata” fa parte del progetto “Casa dello Spettatore. Per una formazione del pubblico”  realizzato con il sostegno del MiBAC

Il 30 marzo 2019 a Napoli la prima edizione de “La Calata” 2019.

“La Calata” è un evento ideato e realizzato da Casa dello Spettatore, che prevede “una serata a teatro, in cui spettatrici e spettatori “calano” nelle sale teatrali della città per osservarne e raccontarne la vita: pubblici, spazi, atmosfere e spettacoli. Per realizzare l’istantanea di una serata campione.”

“La Calata” è un momento prezioso di indagine inserito in una più ampia e costante ricerca sul ruolo dello spettatore.  L’iniziativa prevede il coinvolgimento di spettatrici e spettatori – preferibilmente non addetti ai lavori – che intendano “calare” il loro sguardo sul territorio teatrale della città e che vogliano poi raccontare la loro esperienza con testi e immagini.
Un esperimento conoscitivo sul mondo del teatro, dalla parte dello spettatore. Cosa si fa quando si “cala”? Si osserva la “vita” teatrale della città…andando a teatro,  poi si scrive un breve testo sull’esperienza e si scattano un paio di foto. Non chiediamo di scrivere una recensione sullo spettacolo, ma invitiamo i partecipanti a vestire i panni del reporter per un giorno. Alla fine avremo e condivideremo un racconto a più voci su come vive il teatro a Napoli.

La partecipazione è gratuita.
è previsto un numero massimo di posti.

Per partecipare:

entro martedì 12 marzo 2019 scrivere all’indirizzo lacalata@casadellospettatore.it con oggetto “La Calata” indicando

Continua a leggere ““La Calata” a Napoli. Il 30 marzo 2019″

Annunci

Incontro alla danza_in festival / Equilibrio

a cura di Sara Ferrari

Per esplorare insieme un’arte antica continuamente rielaborata e ripensata, l’incontro con la danza contemporanea internazionale, attraverso alcune proposte individuate all’interno del Festival Equilibrio all’Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi)

– Mats Ek – Axe / Memory / Old and Door – 10 febbraio ore 18:00
– Cullbergballetten – Protagonist – 26 febbraio ore 21:00


Ogni appuntamento dei percorsi di visione prevede incontri di didattica della visione preliminari e/o successivi allo spettacolo, condotti da un mediatore dell’associazione. Ogni partecipante riceverà il documento di ricerca appositamente predisposto per l’occasione.

Per adesioni e maggiori informazioni: info@casadellospettatore.it
entro il 24 gennaio 2019


Continua a leggere “Incontro alla danza_in festival / Equilibrio”

Il teatro integrato interrogato

quale pubblico, quali visioni?


incontri a cura di Casa dello Spettatore.
Progetto in collaborazione con AMAT e ATGTP all’interno di TESPI Festival di teatro sociale

Operazione Io sono Max
(per le scuole)

Casa dello Spettatore sperimenta da alcuni anni pratiche e strumenti didattici per la formazione del pubblico. L’attività qui prevede il coinvolgimento di alcune classi, insieme ai propri docenti, in una ricerca aperta e condivisa intorno a quel “prima” di attese, curiosità, conoscenze e ipotesi intorno allo
spettacolo, e a quel “dopo” di reazioni e rielaborazioni. Al centro della discussione, in questa occasione, l’esperienza di essere spettatori e spettatrici
di un lavoro di teatro integrato. Ogni incontro è sostenuto inoltre da specifici materiali appositamente strutturati, in cui ritrovare di volta in volta spunti e
tracce da percorrere, per intraprendere un percorso mobilitando conoscenze e interrogativi, in un processo che si nutre di incontri, scoperte e punti di vista. Continua a leggere “Il teatro integrato interrogato”

Portare a vedere. La didattica della visione per gli insegnanti

LABORATORIO DI DIDATTICA DELLA VISIONE PER INSEGNANTI
a cura di Casa dello Spettatore


A garantire l’incontro tra teatro e pubblico di bambini/e e ragazzi/e è soprattutto la scuola e l’insegnante. Da qui la necessità di strutturare un percorso formativo per approfondire le premesse teoriche alla base dell’elaborazione di una didattica della visione. Quattro spettacoli dunque, individuati all’interno della programmazione del Teatro Biblioteca Quarticciolo, come occasione per condividere e discutere i passi che un mediatore deve compiere per portare ad incontrare uno spettacolo dal vivo. Modelli e proposte progettati dai formatori verranno sperimentati in prima persona dai docenti, diventando oggetto di studio. L’insegnante sarà così sostenuto durante il suo processo di messa in pratica dell’esperienza, con le proprie classi, in un percorso pensato come ricerca aperta e condivisa intorno a quel “prima” di attese, curiosità, conoscenze e ipotesi che accompagnano spettatori e spettatrici nel tempo che precede lo spettacolo, e a quel “dopo” di reazioni e rielaborazioni. Ogni incontro è sostenuto inoltre da specifici materiali appositamente pensati, in cui ritrovare di volta in volta spunti e tracce da percorrere, utili anche per poter riproporre il lavoro all’interno delle classi.


Partecipazione gratuita su prenotazione:
quarticcioloragazzi@gmail.com


Gli incontri si svolgeranno nella Biblioteca del Quarticciolo (via Castellaneta, 10) Continua a leggere “Portare a vedere. La didattica della visione per gli insegnanti”

Genitori mediatori. Quando la famiglia si fa tramite di cultura

Un seminario nelle Marche a cura di Casa dello Spettatore in collaborazione con ATGTP.

Quando un padre o una madre portano un figlio o una figlia a teatro o al cinema, in visita a un museo o a una città d’arte; quando regalano un libro o un cd, quando vietano o favoriscono la visione di un programma tv, assumono funzione e responsabilità di “mediatori culturali”. Che cosa li spinge, quali obiettivi si prefiggono? Quali criteri guidano le scelte e a quale grado di consapevolezza?

A partire da queste domande il seminario vuole avviare una riflessione sul ruolo complesso del genitore che accompagna, indirizza e propone oggetti ed esperienze di cultura. Uno scambio e allo stesso tempo l’inizio di una ricerca comune per orientarsi nelle proprie scelte. Ad affiancare il seminario e per proseguire la riflessione attraverso un’esperienza pratica, si prevede un’attività di accompagnamento alla visione di uno spettacolo indirizzato alle nuove
generazioni.

per informazioni: info@atgtp.it

Programma

Continua a leggere “Genitori mediatori. Quando la famiglia si fa tramite di cultura”

Didattica della visione – Marche

Casa dello Spettatore in collaborazione con ATGTP Teatro costruisce un progetto formativo di didattica della visione destinato a insegnanti e futuri mediatori e mediatrici teatrali, realizzata attraverso la definizione e l’attuazione di metodologie specifiche, e strutturata nell’ottica di sostenere una replicabilità dell’esperienza con ragazzi e ragazze, all’interno delle classi. Per intraprendere un percorso mobilitando conoscenze e interrogativi, in un processo che si
nutre di incontri, scoperte e punti di vista.

Due incontri seminariali: uno di premessa e uno di riflessione dopo la visione, strutturati come esperienza formativa rivolta agli insegnanti perché ne traggano elementi utili alla messa a punto metodologica di una possibile “didattica della visione” da sperimentare a scuola. Tra di essi, la visione dello spettacolo. Ogni incontro è corredato da specifici materiali, per fornire spunti e strumenti utili all’avvicinamento dello spettacolo teatrale quale particolare oggetto d’arte.

Programma

Continua a leggere “Didattica della visione – Marche”

Vedere Vicini

Due percorsi di visione per i cittadini del V Municipio. L’iniziativa è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2018 promossa da Roma Capitale-Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione con SIAE Rassegna “Diffondersi (i luoghi del possibile al Quarticciolo)

Vedere Vicini perché è così che si esplora e si vive l’esperienza di visione, insieme, accanto, ma anche perché è il quartiere il cuore del progetto. Piccole comunità di spettatrici e spettatori per restituire un senso rinnovato agli spazi di vita comuni: non solo il teatro, ma anche i cortili, le case. Luoghi che accoglieranno gli incontri di approfondimento per costruire una nuova relazione fra spazio pubblico e privato, creando occasioni inedite di incontro tra vicini di casa. Due percorsi di visione in cui la fruizione artistica possa diventare opportunità di conoscenza e arricchimento personale, ma anche tessuto per la creazione di nuove possibilità di relazioni umane tra gli abitanti di un quartiere.

Continua a leggere “Vedere Vicini”