Cittadino e Spettatore


Cittadino e spettatore è un progetto di Casa dello Spettatore che ha ricevuto il sostegno del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, ai sensi dell’art. 46 comma 2 del D.M. 1 luglio 2014.

Il progetto

Andare a teatro è un’esperienza di comunità e vedere è una pratica che si vive nell’immediatezza del presente e che coinvolge anche il più ampio bagaglio personale e sociale del singolo che guarda. La ricerca e l’approfondimento sono perciò elementi necessari per connettere il sapere individuale a quello collettivo. Vedere uno spettacolo insieme rappresenta un’occasione di apprendimento, un esercizio per imparare ad essere cittadini e spettatori consapevoli.
Con il progetto Cittadino e Spettatore si cammina su tre sentieri: da una parte i percorsi che vedono gli spettatori attivi nell’andare a teatro insieme e nell’incontrarsi per discuterne, quale esperimento di convivialità cittadina; dall’altra, due proposte di studio di questa attività, per condividere una riflessione sulla condizione dello spettacolo dal vivo e del suo pubblico, e sulle pratiche e i modi in cui si articola questa esperienza.
Scarica la brochure del progetto in .pdf

Le tre azioni:

1. PERCORSI DI VISIONE

A partire dalla selezione di più spettacoli in teatri diversi, si strutturano percorsi che sono insieme nella città e nella cultura; tappe di un viaggio che, attraverso incontri prima o dopo la visione, costituisce un’esperienza che intreccia conoscenza ed emozione. Si realizza così una comunità che insieme riflette e si interroga, in uno spazio di confronto costante, sostenuto dall’ausilio di documenti appositamente creati, di volta in volta spunti di discussione, tracce da percorrere, memorie. La cura dello spettatore e della sua esperienza teatrale prevede inoltre la facilitazione all’accesso in teatro; Casa dello Spettatore si occupa, infatti, anche dell’organizzazione, dall’acquisto dei biglietti all’accoglienza negli spazi la sera dello spettacolo.

Per informazioni e iscrizioni: info@casadellospettatore.it


Dialogo con gli antichi

Un’immersione nel mito di Medea, nell’intreccio delle relazioni e nelle sfumature dei punti di vista, attraverso le parole di autori antichi e contemporanei per formare un dialogo che è incontro e scontro di opposti.
A cura di Roberta Ortolano

  • PURGATORIO
    Sabato 7 ottobre ore 20:00 / Teatro Piccolo Eliseo
  • MEDEA
    Sabato 28 ottobre ore 21:00 / Teatro Quirino

Per saperne di più


Incontro alla danza

Per incontrare ed esplorare insieme un’arte antica, una ricerca che vedrà il dialogo tra tradizione e innovazione, a partire dalla visione di due “classici” del repertorio della danza.
A cura di Sara Ferrari

  • GISELLE
    Domenica 1 ottobre ore 17:00 / Teatro Olimpico
  • DON CHISCIOTTE
    Giovedì 23 novembre ore 20:00 / Teatro Costanzi

Per saperne di più


Famiglie a teatro

Un’accoglienza pensata e dedicata ai bambini nei primissimi anni di vita e alle loro famiglie affinché il loro primo incontro con le luci e le ombre del palcoscenico sia un’esperienza estetica ed educativa. (A partire da 1 anno)
A cura di Laura Squarcia

  • iPET (AaiPet)
    Sabato 11 novembre ore 10:00 / Macro Testaccio – La Pelanda
  • BEAT THE DRUM!
    Domenica 19 novembre ore 11:00 / Macro Testaccio – La Pelanda

Per saperne di più


Focus Frayn

Piccolo studio su Michael Frayn, drammaturgo da migliaia di repliche. Per questo autore, spesso accostato a Cechov per i suoi focus umoristici sulla famiglia e la società, ci concediamo un tempo di incontro teso su un trentennio di vita autoriale.
A cura di Flavia Gallo

  • COPENAGHEN
    Sabato 11 novembre ore 19:00 / Teatro Argentina
  • RUMORI FUORI SCENA
    Sabato 16 dicembre ore 21:00 / Teatro Vittoria

Per saperne di più


Migrazioni

L’esperienza del vedere come occasione di confronto interculturale. Due proposte per costruire uno spazio evocativo, fatto di immagini, corpi e linguaggi, da attraversare insieme.
A cura di Flaminia Salvemini

  • BIRDIE
    Domenica 29 ottobre ore 17:00 / Teatro Vascello
  • CHOTTO DESH
    Sabato 11 novembre ore 15:00 / Teatro Vascello

Per saperne di più


Paradisi e visioni

Il Paradiso dal mito al concetto, dalla tradizione alla rielaborazione contemporanea, attraverso due spettacoli che confrontano e connettono linguaggi e visioni, dell’arte e della vita.
A cura di Giuseppe Antelmo

  • LUCIFER
    Mercoledì 4 ottobre ore 21:00 / Macro Testaccio – La Pelanda
  • PARADISO
    Venerdì 3 novembre ore 21:00 / Teatro India

Per saperne di più


Regie osservate

Due spettacoli che, nel loro legame più o meno diretto con Shakespeare, offrono spunti di riflessione sul lavoro della regia.
A cura di Giorgio Testa e Alessandra Zibellini Fortuna

  • RE LEAR
    Martedì 21 novembre ore 21:00 / Teatro Argentina
  • HAMLETMACHINE
    Venerdì 15 dicembre ore 21:00 / Teatro India

Per saperne di più


Romanzi a teatro

Il viaggio della parola: dal corpo del romanziere alla carta e dalla carta al corpo dell’attore. Un libro è un risultato, un magma che si è solidificato, ma nel teatro va in cerca di qualcos’altro, così come gli occhi che smettono di leggere e iniziano a vedere.
A cura di Rita Agostini

  • SORELLE MATERASSI
    Martedì 28 novembre ore 21:00 / Teatro Quirino
  • RAGAZZI DI VITA
    Giovedì 21 dicembre ore 21:00 / Teatro Argentina

Per saperne di più


Destini da scegliere

Due storie che, a partire da una realtà sociale complessa, propongono una riflessione sul rapporto tra scelte e destini.
A cura di Ivana Conte e Paolo Gaspari

  • DENTRO LA TEMPESTA
    Domenica 22 ottobre ore 17:00 / Teatro Off/Off
  • LA PARANZA DEI BAMBINI
    Domenica 10 dicembre ore 17:00 / Teatro Piccolo Eliseo

Per saperne di più


2. “LA CALATA”

Una sera a teatro, spettatori/testimoni “sguinzagliati” nelle sale teatrali della Città per osservarne la vita: pubblici, proposte teatrali, spazi, atmosfere. L’istantanea di una serata, assunta come campione, in cui, attraverso una griglia aperta, stabilita in precedenza, saranno raccolti testi e immagini che andranno a comporre un racconto a più sguardi.

Per saperne di più


3. GIORNATA DI STUDIO SULLA FORMAZIONE DEL PUBBLICO

L’associazione culturale Casa dello Spettatore eredita e prosegue il lavoro realizzato in precedenza dai suoi soci fondatori nell’ambito del Centro Teatro Educazione (CTE), la struttura per l’educazione al teatro che l’Ente Teatrale Italiano ha promosso e sperimentato dal 1997 al 2010. Ricordare con una giornata di studio l’esperienza del CTE, a venti anni dalla sua fondazione, non è un’operazione di “archeologia culturale” ma l’occasione per presentare una ricerca che, attraverso progetti pilota e modelli di formazione innovativi, ha anticipato le successive elaborazioni sull’audience development. In vista della giornata di studio si procederà ad una prima ricognizione dei materiali relativi a tale ricerca, attualmente dispersi in vari luoghi, con l’obiettivo di attivare in prospettiva un luogo, fisico o virtuale, in cui questi materiali possano essere interamente recuperati e, una volta sistematizzati, possano costituire patrimonio comune di tutti gli operatori.

Per saperne di più


Casa dello spettatore

L’associazione culturale Casa dello Spettatore è uno spazio permanente di studio, sperimentazione e ricerca teorico-pratica sull’esperienza di essere spettatori delle varie forme di spettacolo (teatro, danza, cinema, arti visive, televisione e nuovi media), le cui finalità sono:
  • la costruzione di comunità di cittadini che nella fruizione condivisa dello spettacolo trovino opportunità di crescita individuale e collettiva;
  • la formazione, lo sviluppo e la qualificazione del pubblico delle varie forme di spettacolo;
  • l’educazione dello spettatore di tutte le età con particolare attenzione alle giovani generazioni e al rapporto con la Scuola.
Il lavoro si struttura intorno ad un’idea: andare a teatro è innanzitutto condividere un’esperienza di comunità e obiettivo principale è restituire all’arte la sua funzione sociale, alimentando la curiosità e la consapevolezza del pubblico in modo strutturato. Imparare a “vedere” è una pratica che si vive nell’immediatezza del presente e si nutre della sorpresa e dell’imprevedibilità, ma che si struttura e si radica poi dentro l’articolazione più complessa delle vite di spettatori che sono ancora prima persone con le proprie convinzioni, con i propri sguardi. Ed è qui che la ricerca continua e l’approfondimento diventano elementi necessari, connettendo l’esperienza del singolo a quella di una collettività più ampia.
L’attenzione alla creazione di una comunità diventa dunque ogni volta lo stimolo capace di attivare processi che attraverso l’esperienza dell’andare a teatro insieme siano in grado di spostare lo sguardo verso altre prospettive e apprendimenti e di accogliere differenti punti di vista; perché vedere uno spettacolo è sempre occasione di conoscenza, un esercizio per imparare ad essere cittadini e spettatori consapevoli.
Annunci